Seleziona una pagina

City of Glass è uno dei tre romanzi che compongono la Trilogia di New York, scritta da Paul Auster tra il 1985 e il 1987. Tre detective-stories ambientate in una New York strana, allucinata e surreale, dove tutto può accadere e in cui tutti potremmo perderci.

Città di vetro ha come protagonista uno scrittore di romanzi polizieschi, Daniel Quinn, il quale riceve una telefonata nel mezzo della notte da un individuo sconosciuto che cerca un certo investigatore di nome Paul Auster. Quinn, interdetto chiude bruscamente la conversazione, ma in lui cresce subito una curiosità ossessiva che lo porta alla follia nel tentativo di risolvere il caso.

La città di New York assume nel romanzo una funzione centrale: è uno di quei racconti che ogni giorno attraversano dei luoghi, li collegano e li selezionano tra loro.

La si potrebbe definire una lettura geocritica, una mappa letteraria che conduce il lettore al suo interno, con un linguaggio dalla forma spaziale, muovendosi in uno luogo dalle coordinate testuali, dove alle parole si sostituiscono gli spazi, i segni indicano dei percorsi, mentre i significanti iniziano a confondersi con gli oggetti. La metropoli diventa una città-testo: il paesaggio ripropone le strutture complesse del racconto, i percorsi assumono le sembianze delle linee narrative lungo cui finiscono i destini.

In questa detective story, il senso non si ritroverà nella risoluzione del caso, ma già nella decisione del protagonista di assumere l’identità di un investigatore che indagherà sulla natura del linguaggio.

Il mio progetto veNYCe, è nato proprio da questa fantasia: la mia Venezia può essere New York? Nel trovare una risposta a queste provocazioni per realizzare le mie illustrazioni, non ho potuto fare a meno di lasciarmi travolgere dal romanzo di Paul Auster: Città di Vetro.

Pin It on Pinterest

Share This