Seleziona una pagina

Nel campo del Ghetto, illuminato solo dal chiarore di due mezze lune, protagonista è l’intreccio tra due personaggi misteriosi: uno mascherato e l’altro dai forti tratti somatici ebraici.

Si sfiorano appena, ma restano appesi l’un l’altro dai loro sguardi, impauriti, timorosi e curiosi. Chi sono?

carnivalIl volto mascherato è impenetrabile: chi è?

È un veneziano che indossa la sua bauta?

E l’ebreo è veramente ebreo o finge di esserlo? Il grande cappello nero, la lunga barba e i capelli acconciati con i payot sono solo un travestimento?

Sembrano due protagonisti di altri tempi: il primo un nobile veneziano del 1600, il secondo un riservato religioso ebreo.

Immancabile il confronto con New York: sullo sfondo ho posto una scenografia con i profili delicati di imponenti grattacieli americani. Ancora una volta, è evidente come Venezia sia rimasta legata ad un passato che non tornerà mai, mentre New York è l’emblema dello sviluppo continuo della modernità.

 

Pin It on Pinterest

Share This