Detour. Festival del cinema di viaggio edizione 2016

Per la V edizione del festival del cinema di viaggio, gli organizzatori hanno voluto affidare nuovamente a me la realizzazione dell’immagine coordinata, dopo la positiva esperienza vissuta insieme nel 2015.

Il tema centrale delle mie illustrazioni quest’anno è stata la mappa.

Cliente Detour
Anno 2016
Sito www.detourfilmfestival.com

Ispirazione

La mappa rappresenta per tutti i viaggiatori l’inizio del viaggio. Un tempo forse più indispensabile, resta il fatto che anche oggi è un oggetto determinante all’interno del proprio bagaglio, sia esso una valigia o uno smartphone.

Nel 2012 il regista statunitense Wes Anderson ha realizzato un film Moonrise Kingdom – Una fuga d’amore. I protagonisti scappano insieme partendo per un viaggio senza meta. Questa suggestione mi ha fatto ripensare alla mitica isola di Utopia. L’isola che non c’è, appunto.

Queste due riflessioni mi hanno suggerito la realizzazione del manifesto per l’edizione 2016 del Detour Film Festival.

 

Una valigia gialla con dentro l’indispensabile per viaggiare

Sia esso un contenuto indispensabile per viaggiare realmente o solo con la fantasia, ancorato al passato o proiettato sul futuro il manifesto racconta gli oggetti ma anche le esperienze del viaggiatore. Un mazzetto di lavanda, una lanterna, gli scarponi, un libro, della buona musica, bussola e salvagente.

Le figure all’interno del manifesto sono gli incontri che ciascuno di noi fa quando si mette in viaggio. Sono fortuiti, casuali, importanti o effimeri. Le persone ci attraversano quando siamo in movimento. Per questo nel manifesto sono quasi delle silhouettes.

Ho disegnato il manifesto come un carnet di viaggio, lo stesso che anche io personalmente faccio quando mi metto in movimento.

Pin It on Pinterest

Share This